I viaggi business ripartono: come controllare i costi del roaming extra UE
tempo lettura: 3 minuti

Roaming extra UE: 3 semplici mosse per evitare costi imprevisti

La buona notizia è che ricominciano i viaggi business all’estero. Quella meno buona è che dovrai ricominciare anche a tenere sotto controllo le spese per il roaming extra-UE.

Utilizzare il cellulare all’interno dell’UE ormai è semplice ed economico, grazie al Roaming like at home (leggi questo articolo per scoprire come funzionano le chiamate in Unione Europea).

Il roaming extra UE continua invece a creare grattacapi a molte aziende.

Bastano però tre piccole mosse (più una) per eliminare i costi imprevisti, semplificare la gestione delle SIM utilizzate all’estero e rendere i tuoi servizi mobile scalabili in base alla frequenza e alla durata dei soggiorni.

Così il tuo business può sfruttare la riapertura dei confini, senza preoccuparsi dei costi imprevisti.

1. Attivare opzioni dedicate al roaming extra UE

La soluzione più diffusa per ridurre i costi di roaming extra UE è l’utilizzo di pacchetti dedicati all’estero.
Molti operatori offrono opzioni a pacchetto dedicate appositamente al traffico telefonico/SMS e dati effettuato fuori dai confini dell’UE.

Quando si scelgono questi pacchetti è importante considerare alcuni elementi:

  • verificare che il pacchetto includa tutti i paesi dove ci si trova a viaggiare, anche quelli dove ci si trova soltanto a transitare (naturalmente se abbiamo intenzione di utilizzare il cellulare anche durante le trasferte)
  • controllare se i prezzi e le soglie di consumo si riferiscono ai consumi giornalieri, settimanali o mensili e se includono anche le chiamate in entrata (in roaming anche le chiamate ricevute hanno un costo)
  • stabilire se le soglie incluse nel pacchetto sono proporzionate alle nostre abitudini di consumo
  • verificare quali sono i costi previsti o le limitazioni delle prestazioni (ad es. velocità di navigazione) quando si superano le soglie.

2. Acquistare una SIM locale

Le imprese che effettuano trasferte all’estero di lunga durata spesso acquistano SIM locali da utilizzare per la connessione dati.
In questo caso si pone però il problema del mantenimento del proprio numero telefonico.

Utilizzare una Dual SIM permetterebbe di mantenere il proprio numero di cellulare per le chiamate voce e di gestire tutta la parte dati (molto costosa se ci si trova dall’altra parte del mondo) con una SIM che utilizza tariffe locali.

Una soluzione ancora più completa può essere realizzata sfruttando i sistemi di convergenza fisso-mobile attivabili con i centralini virtuali di ultima generazione.

3. Numero fisso sullo smartphone e chiamate in WiFi per ridurre i costi

La tecnologia permette adesso di utilizzare il proprio numero fisso dell’ufficio sullo smartphone, anche quando ci si trova all’estero.

Per ottenere questo vantaggio basta attivare un centralino virtuale che permetta di sfruttare la convergenza fisso-mobile.

Utilizzando il centralino in combinazione con un’app dedicata è possibile effettuare e ricevere chiamate su un numero fisso da noi scelto, ovunque ci si trova. In pratica è come se fossimo sempre in ufficio anche se ci troviamo dall’altra parte del mondo.

Alcuni operatori permettono anche di effettuare le chiamate collegandosi alle reti WiFi (in albergo, in un caffè o in aeroporto ecc). In questo modo si possono eliminare del tutto, o ridurre a pochi centesimi, i costi delle chiamate effettuate da fuori UE verso numeri di rete fissa e mobile italiani.

Quest’ultimo tipo di servizio funziona anche in volo, se la compagnia aerea offre servizi di connessione WiFi (in alcuni casi sono disponibili pacchetti prepagati) e se il regolamento di bordo consente di utilizzare lo smartphone anche per le chiamate.

Come avrai già capito l’utilizzo della convergenza fisso-mobile risolve in maniera brillante anche il problema del mantenimento del proprio numero telefonico quando si decide di utilizzare una SIM locale.

Come tenere sotto controllo costi e consumi in tempo reale

Vuoi dormire sonni tranquilli quando i dipendenti della tua azienda viaggiano all’estero?
Allora devi considerare anche questi aspetti fondamentali:

  • tenere sotto controllo i costi in tempo reale in maniera semplice e trasparente
  • attivare, disattivare o rinnovare i servizi di roaming internazionale per ogni SIM con pochi clic senza dover chiamare l’operatore.

Alcuni operatori mettono a disposizione sistemi di controllo e gestione delle SIM che semplificano tutte queste attività.

Roaming extra UE e non solo: come eliminare il bill shock in fattura

Ad esempio con SIM Manager, un pannello di controllo evoluto dei servizi di telefonia mobile incluso in Vianova Mobile, è possibile gestire in autonomia tutto il ciclo di vita delle SIM dall’attivazione fino alla cessazione.

Il servizio permette anche di attivare con pochi clic i pacchetti internazionali e tenere sotto controlli in tempo reale i consumi per ogni singola SIM. Così si elimina ogni rischio di bill shock in fattura perché il controllo su costi e consumi – per il roaming così come per tutti gli altri servizi a consumo e premium – è affidato completamente al Cliente.

Condividi su

Share on linkedin
Share on facebook
Share on email