Evitare i guasti di rete
tempo lettura: 3 minuti

Evitare i guasti di rete con la manutenzione predittiva

Evitare i guasti di rete con la manutenzione predittiva aiuta le imprese a garantire la business continuity e a costruire un ambiente di lavoro produttivo e versatile.

Le reti aziendali sono diventate la base dell’operatività quotidiana. Dispositivi IoT, server, linee principali e secondarie sono interconnessi e, in tempi di lavoro da remoto, sono spesso l’unico collegamento fra il dipendente e l’impresa. Il loro funzionamento non deve conoscere incertezze. Per questo il monitoraggio in tempo reale è essenziale: aiuta le aziende a identificare eventuali anomalie presenti sottotraccia sulla loro rete e riduce la necessità di interventi pervasivi.

Manutenzione predittiva o preventiva: le differenze

Non dobbiamo confondere la manutenzione predittiva con la manutenzione preventiva.
Si tratta di due soluzioni molto diverse fra loro con risultati altrettanto differenti.

La manutenzione preventiva (detta anche programmata) implica che l’azienda stabilisca un programma di interventi a frequenza regolare, ogni 3, 6 o anche 12 mesi. Questa tipologia di manutenzione permette di programmare i fermi aziendali e prolungare la vita dei dispositivi. Allo stesso tempo però espone l’impresa a possibili problemi che potrebbero intercorrere fra un intervento di manutenzione e l’altro.

Per di più, un intervento programmato potrebbe risultare inutile poiché sarebbe basato su un fattore temporale anziché una reale esigenza. In questo caso, sarebbe un cattivo investimento di tempo e risorse economiche.

Viceversa, la manutenzione predittiva permette di conoscere in qualunque momento le prestazioni del servizio. È l’approccio migliore perché eventuali anomalie vengono immediatamente riconosciute, segnalate e risolte. Così le possibilità di un disservizio sono ridotte al minimo. Anzi, in molti casi è l’operatore a contattare il Cliente per riferire le anomalie riscontrate e gli interventi attuati per massimizzare le prestazioni.

L’approccio proattivo è il segreto per evitare i guasti di rete con la manutenzione predittiva. Ciò ha ripercussioni positive sull’operatività dell’azienda perché permette di:

  • risparmiare sugli interventi
  • evitare blocchi delle attività
  • ridurre i tempi di ripristino in caso di guasto.

Evitare guasti di rete con la manutenzione predittiva: come funziona

La manutenzione predittiva permette di anticipare l’insorgenza di problemi di rete. I tecnici dell’operatore controllano i volumi di traffico e lo stato delle linee dei Clienti attraverso un sistema di monitoraggio dedicato. I parametri da valutare riguardano, per esempio, il tempo di latenza e il tasso di perdita dei pacchetti di dati: ognuno di essi può diventare un campanello d’allarme.

I sistemi di monitoraggio, inoltre, vengono disegnati per classificare le tipologie di traffico a seconda di diversi livelli di priorità. In questo modo, un eventuale traffico ritenuto non prioritario (come l’aggiornamento dei sistemi operativi) non influenza l’operatività del traffico prioritario.

Un modo per mantenere elevata la qualità del servizio fornito

Evitare i guasti di rete con la manutenzione predittiva è una soluzione pensata per garantire il benessere della rete a 360 gradi. Non solo per anticipare possibili anomalie che potrebbero generare disservizi al Cliente, ma anche per mantenere elevata la qualità del servizio fornito. Ciò vale sia per internet sia per le chiamate. Ad esempio, telefonate molto lunghe o sospette vengono tempestivamente segnalate al Cliente per le opportune verifiche.

Inoltre, è importante considerare che la manutenzione predittiva consente di reagire velocemente ai problemi che dovessero insorgere: il supporto tecnico conosce già lo stato della rete e ha tutte le informazioni necessarie per prendere in carico la richiesta del Cliente in pochi minuti.

Un router di backup pronto all’uso

La manutenzione predittiva aiuta a ridurre al minimo la necessità di fare riparazioni urgenti. In alcuni casi, però, le aziende potrebbero incorrere in problemi di rete dovuti a cause esterne. Per questo configurare un secondo router può essere un paracadute molto utile per restare online in ogni situazione. Implementando un servizio di backup, gli apparati commutano automaticamente i servizi voce e dati sul secondo router collegato.

Ciò permette di mantenere gli stessi indirizzi IP, di sfruttare la stessa tecnologia di rete disponibile per la linea principale (o una tecnologia alternativa se la differenziazione può offrire ulteriori garanzie per la business continuity) e di mantenere l’azienda operativa mentre il guasto di rete viene corretto. A ripristino avvenuto, gli apparati trasferiscono automaticamente i servizi voce e dati sulla linea principale.

Condividi su

Share on linkedin
Share on facebook
Share on email