tempo lettura: 4 minuti

Backup in Cloud: 5 consigli per proteggere la tua azienda da attacchi informatici

Gli attacchi informatici aumentano ogni anno e sono sempre più sofisticati. Lo dimostrano i recenti casi di ransomware che hanno bloccato il lavoro di grandi aziende: potenzialmente tutti possono essere vittime dei cybercriminali. In un contesto del genere il backup in Cloud è una delle armi più importanti e semplici da utilizzare per tutelare il proprio lavoro.

Il backup in Cloud permette infatti di proteggere i propri dati e rispristinarli in tempi brevi.

L’importanza di un backup Cloud di qualità acquista ancora più importanza se si prendono in considerazione le indicazioni del GDPR: le aziende che trattano dati sensibili devono proteggerli da eventuali attacchi e data breach. In caso di contrario, ai danni materiali e di immagine provocati da un virus o un ransomware, vanno ad aggiungersi i rischi di multe salatissime.

Anche gli standard di riferimento della certificazione ISO 27001 sostengono l’importanza di stabilire politiche di backup efficienti per difendere i dati e l’operatività aziendale.

Ma come funziona esattamente il backup in Cloud e come può diventare uno dei pilastri di ogni strategia di difesa dagli attacchi informatici?

Cos’è il backup in Cloud?

Il termine backup è ormai di uso comune quando si parla di informatica e tecnologia. Effettuare un backup di immagini, file, cartelle e dati è importante per tenere al sicuro le informazioni più importanti da guasti, errori umani e attacchi informatici.

Le procedure di backup permettono di creare copie dei dati che devono essere messe al sicuro su dispositivi di archiviazione diversi da quello su cui sono stati generati. Una soluzione di backup basata su hardware in locale è comunque a rischio di guasti, incendi, furti.

Il backup in Cloud invece mette a disposizione spazi di archiviazione sicuri su server remoto di un operatore. Scegliere un servizio di backup Cloud offerto da un operatore professionale permette di conservare e proteggere le informazioni all’interno di uno o più Data Center sicuri e ridondati.

I vantaggi di archiviare ed effettuare backup in Cloud

I benefici di archiviazione e backup in Cloud possono essere sintetizzati in pochi, importantissimi punti.

  • la conservazione dei dati sulla nuvola non dipende da hardware locale: così si eliminano i rischi e i costi di acquisto, alimentazione e manutenzione degli apparati
  • lo spazio in Cloud è scalabile in ogni momento in base alle necessità di storage dell’azienda
  • durante il trasferimento in Cloud solitamente i dati vengono criptati in modo da non essere leggibili da parte di malintenzionati
  • il backup può essere impostato in automatico e senza procedure complesse
  • le persone autorizzate dall’azienda possono accedere ai dati in Cloud da device e luoghi diversi, in qualsiasi momento

Il backup è fondamentale in caso di attacco ransomware

Il ransomware è una delle tipologie di attacco informatico più frequenti.

Durante un attacco di questo tipo, l’hacker riesce a superare le normali difese dell’azienda e a penetrare nei sistemi informativi, bloccando gli apparati o rendendo inaccessibili i dati aziendali (con sistemi di criptazione). In molti casi viene richiesto un pesante riscatto per tornare in possesso dei propri dati.

In uno scenario del genere, l’operatività e l’immagine dell’azienda dipendono dalla capacità di ripristinare velocemente tutti i sistemi.

Se il backup in Cloud è inserito in un piano di sicurezza fin dall’inizio, un’azienda può facilmente sbarazzarsi del ransomware e ripristinare i i suoi dati con tempi di inattività minimi o nulli.

Come scegliere un servizio in Cloud sicuro ed efficiente

I privati e le aziende che utilizzano servizi in Cloud aumentano sempre più. Secondo l’osservatorio del Politecnico di Milano, nel corso del 2020 il mercato Cloud in Italia è cresciuto del 20%, guidato dall’adozione di servizi SaaS (Software as a Service) a supporto del lavoro da remoto come mail, videoconferenze, archiviazione e condivisione.

Quando si parla di Cloud per le imprese le esigenze cambiano.
Molto spesso le aziende hanno la necessità di avvalersi anche di servizi di tipo Iaas (Infrastrucuture as a Service) che permettono di condividere direttamente l’infrastruttura di rete di server fisici e di storage installati presso i Data Center del provider.

In questo caso è ancora più importante scegliere un fornitore che offra garanzie per quanto riguarda i volumi di storage, le prestazioni e le tipologie di backup offerto. Ecco alcuni aspetti da tenere in considerazione.

  1. il provider deve erogare il servizio attraverso server ad elevate prestazioni
  2. i server devono essere custoditi in Data center sicuri ridondati e sempre collegati a internet
  3. la propria rete di server deve essere sempre accessibile in massima sicurezza e gestibile attraverso un pannello di controllo semplice da utilizzare
  4. il servizio deve offrire la possibilità di creare snapshot delle Virtual Machine da usare come punto di ripristino
  5. il Cliente deve avere la possibilità di proteggere i dati con un sistema di Backup cifrato, compresso e deduplicato con spazio dedicato.

Backup più efficiente con la banda di accesso dedicata

La velocità di ripristino dei servizi è fondamentale quando si sceglie un fornitore per backup in Cloud.

Per questo le aziende non dovrebbero sottovalutare un elemento molto importante per valutare i servizi Cloud: la banda di accesso.

Il Cloud deve essere raggiunto tramite internet e quindi la sua efficienza dipende anche dalla qualità della connettività che deve offrire garanzie sulle prestazioni e tempi di latenza ridotti. I servizi offerti dai grandi player Cloud globali non includono servizi di connettività. Questo implica che il funzionamento sia “best effort”, cioè senza nessuna garanzia di qualità del servizio.

La Quality of Service (QoS) del collegamento può essere garantita soltanto se il Cloud Provider fornisce anche l’accesso alla rete e ai servizi TLC, possibilmente su una rete dedicata esclusivamente alle imprese.
In questo caso il Cliente può contare su un collegamento dedicato che offre performance eccellenti anche a livello di latenza, packet loss e round trip delay.

Per questo è importante scegliere un fornitore unico per Cloud e connettività, anche in un’ottica di cybersecurity.

 

Condividi su

Share on linkedin
Share on facebook
Share on email